Cuoco trovato morto al confine tra Emilia e Lombardia

Aveva 43anni. Forse investito da un'auto, il cadavere vicino al ponte su Po

Cuoco trovato morto al confine tra Emilia e Lombardia
Ansa
Il cadavere è stato trovato dai Carabinieri

Potrebbe essere stato investito da un'auto pirata mentre tornava verso casa a piedi Andrea Lodi Rizzini, il 43enne trovato morto dai Carabinieri nel suo paese a Viadàna, nel Mantovano, in un fossato vicino al ponte sul Po che collega Emilia e Lombardia.

A trovarlo suo padre che non vedendolo rincasare dopo che era uscito in bici la notte della vigilia lo era andato a cercare oltre il fiume, in un bar a Boretto nel Reggiano, che il 43enne era solito frequentare.

Una ipotesi della procura di Mantova è che quella notte Andrea abbia lasciato la bici bucata a Boretto, dove poi è stata ritrovata, per dirigersi a piedi verso Viadàna.

E' durante questo tragitto che un automobilista lo avrebbe travolto senza poi prestare soccorso. Ad avvalorare questa ipotesi, una delle scarpe della vittima ritrovata sull'asfalto, a poca distanza dal cadavere.