Omicidio di via Larga, arrestati in Germania altri due sospettati

Sono due ventenni, connazionali del 25enne tunisino ucciso a luglio vicino alla ferrovia a Bologna. Sale a cinque il numero degli indagati. Il giovane eliminato durante un litigio per la spartizione del bottino di un furto

Omicidio di via Larga, arrestati in Germania altri due sospettati
Ansa
Il luogo in cui è stato ritrovato il cadavere

 Sono stati individuati e arrestati in Germania altri due presunti responsabili dell'omicidio di Kaled Maroufi, il 25enne tunisino trovato morto il 12 luglio scorso a Bologna in un'area ferroviaria dismessa nei pressi di via Larga. Si tratta di due ventenni, connazionali della vittima, rintracciati dalla polizia tedesca dopo che nei loro confronti era stato emesso un mandato di arresto europeo. Uno di loro è stato individuato a Karlsruhe, città nel sud-ovest della Germania, mentre l'altro è stato raggiunto all'interno di un carcere di Mannheim, dove si trovava ristretto per altra causa. Nei confronti dei due giovani sono state avviate le procedure di estradizione. Sale così a cinque il numero dei tunisini indagati per l'omicidio del giovane ucciso il cui movente sarebbe da ricondursi a un litigio sulla spartizione di oggetti rubati.

Il servizio di Giulia Bondi con il montaggio di Alberto Carroli