Saman identificata dai denti. Ha una frattura nel collo

Avvalorerebbe la tesi dello strangolamento. Ma sono necessari ulteriori esami per capire quando è avvenuto. Se prima o dopo la morte

Saman identificata dai denti. Ha una frattura nel collo
Tgr Rai Emilia Romagna
La 18enne Saman Abbas

Il cadavere ritrovato il 18 novembre 2022 a Novellara è Saman Abbas. "E' stata identificata da un'anomalia dentaria, grazie a foto e video", riferisce l'avvocato Barbara Iannucelli, che assiste l'associazione 'Penelope' ed è parte civile nel processo che a febbraio inizierà a carico di cinque familiari della giovane pachistana uccisa la notte del 30 aprile 2021. "L'osso ioide è fratturato nella parte sinistra e sono necessari accertamenti istologici per stabilire se pre o post portem", continua l'avvocato. La frattura dell'osso, nella parte anteriore del collo, avvalorerebbe l'ipotesi di strangolamento. 

"La dottoressa Cristina Cattaneo ha chiesto la nomina di altri consulenti, come il tossicologo e il genetista, con cui esamineremo i vestiti della ragazza anche per verificare se ci sono tracce di Dna di altri soggetti", sono ancora parole dell'avvocato  Iannuccelli di Penelope, già ammessa come parte civile all'udienza preliminare del 17 maggio. Della 18enne residente a Novellara, nel Reggiano, ma di origini pachistane, non si avevano più notizie dalla primavera del 2021 e per la sua sparizione sono indagati uno zio e due cugini, tutti e tre detenuti a Reggio Emilia, il padre, fermato in Pakistan, e la madre, al momento l'unica latitante. 

“Il prossimo step è la fissazione di un'udienza da parte della Corte d'Assise, dove la stessa corte provvederà a nominare questi altri consulenti - ha aggiunto Iannuccelli -. Il processo inizierà il 10 febbraio, ma il 17, la corte aveva già previsto l'audizione della dottoressa Cattaneo, ma lei verrà a rendere testimonianza rispetto agli accertamenti preliminari. La consulenza per quella data non sarà ancora definitiva”.

Il servizio di Luca Ponzi