Sicurezza: a Bologna nel 2022 oltre 550 minori denunciati dai carabinieri

Arrestate 614 persone, forte attenzione alla zona universitaria

Sicurezza: a Bologna nel 2022 oltre 550 minori denunciati dai carabinieri
ANSA
ANSA

Nel 2022 i carabinieri hanno arrestato 614 persone in provincia di Bologna, di cui 308 nel capoluogo e ne hanno denunciate 9.826 (di cui 2.128 nel capoluogo) a piede libero, mentre sono 37 i minorenni sottoposti a provvedimenti restrittivi della libertà personale, 555 i denunciati. Sono stati inoltre sequestrati oltre 65 kg di stupefacente di vario tipo, 47.833 sono stati i servizi preventivi, 198.411 le persone controllate, 124.520 i veicoli, 90 le misure di prevenzione personali, 12 le chiusure temporanee di esercizi pubblici, 2.768 i servizi di ordine pubblico, in occasione di altrettanti eventi e manifestazioni di vario genere. 

Nel tracciare il bilancio dell'anno appena concluso, il comandante provinciale, il colonnello Rodolfo Santovito, si dice "soddisfatto e grato per il lavoro svolto dai propri militari sul territorio", ed esprime "a nome di tutti i carabinieri un sentito ringraziamento alle amministrazioni comunali, alle altre istituzioni e forze di polizia, enti, scuole, nonché alle associazioni con le quali la Benemerita bolognese ha collaborato, a vario titolo, per il bene comune". 

I carabinieri sottolineano anche la particolare attenzione riservata alla zona universitaria (luogo frequentato da giovani, sensibile per lo spaccio e il consumo di stupefacenti, oltre che di altri fenomeni di microcriminalità), e ai parchi urbani, il contributo nel settore della diffusione della cultura della legalità, del contrasto delle truffe agli anziani e del bullismo: i comandanti di compagnia e di stazione hanno tenuto oltre 150 incontri nei principali istituti scolastici e con le categorie 'più vulnerabili' in circoli e associazioni culturali, coinvolgendo, rispettivamente, oltre 2.200 studenti e 1.500 anziani. Inoltre, tra i protocolli d'intesa stipulati dal comando provinciale, quello firmato col Comune di Bologna nelle politiche di contrasto alla violenza contro le donne e quello stipulato con la Prefettura per favorire la cultura della sicurezza stradale e prevenire l'incidentalità determinata dall'eccesso di velocità.