Sversamento nel Reno, proviene da un canale di bonifica

Scavi fermi - ora si cerca di capirne l'origine e fermare la fuoriuscita

Sversamento nel Reno, proviene da un canale di bonifica
Tgr Emilia Romagna
Il canale Dosolo.

Non si scava più a Sala Bolognese dove è stato identificato il punto dove lo sversamento, una macchia oleosa sul Reno segnalata venerdì a Cento nel Ferrarese, avrebbe origine. Questa mattina la svolta. Si era scavato con le ruspe, pensando di trovare o un bidone o vecchia tanica sotterrata, ma poi gli operatori hanno notato una chiazza della stessa natura su un canale di bonifica - il Dosolo - dove finiscono parte delle acque del territorio che poi confluiscono nel Reno stesso. Sono state dunque aperte e chiuse le paratie per fare alcune verifiche e si è accertato che lo sversamento compariva proprio lì, al sollevamento. In attesa delle analisi di Arpae e dei controlli Hera si sta dunque tamponando la fuoriuscita. Secondo le prime ipotesi potrebbe trattarsi di idrocarburi.

Ora i controlli stanno risalendo lungo il canale Dosolo per capire con maggior precisione da dove potrebbe fuoriuscire il materiale. Barriere idro-assorbenti sono state poste nel punto dove il canale si getta nel fiume Reno.

Barriere idro-assorbenti tra canale Dosolo e Reno. Tgr Emilia Romagna
Barriere idro-assorbenti tra canale Dosolo e Reno.

Nel servizio di Silvia Zerilli le interviste a Michele Giovannini, assessore all'ambiente del Comune di Castello d'Argile e a Emanuele Bassi, sindaco di Sala Bolognese.