A Tredozio un concerto per ripartire dopo l'alluvione e il terremoto

Sul palco quindici artisti, da Daniele Benati a Omar Pedrini, per l'evento organizzato da Giordano Sangiorgi. La sindaca: "Appello al governo che ci ha esclusi dalla proroga del 110% per le aree colpite da sisma"

A Tredozio un concerto per ripartire dopo l'alluvione e il terremoto
Tgr Emilia Romagna
Il concerto per la popolazione di Tredozio

Il gran finale con “Romagna mia” racconta l'amore per questa terra degli artisti che hanno partecipato al concerto per Tredozio, cittadina romagnola colpita dall'alluvione e dal terremoto che si rialza con la sagra del paese ed un evento musicale organizzato da Giordano Sangiorgi, fondatore del meeting per le etichette indipendenti.

Una quindicina di artisti si sono alternati sul palco, da Martelli con la sua “Bello bello” a Daniele Bengi Benati dei Ridillo a Omar Pedrini già leader dei Timoria.

La sagra del paese con il lancio delle uova in riva al fiume Tramazzo vuole riportare  la normalità a Tredozio che ha attraversato un periodo difficile: a maggio 2023 le alluvioni con 70 frane, riaperte finora tutte le strade principali, a settembre un terremoto di magnitudo 4.9, ancora fuori casa 159 persone su 1.100 abitanti, Tredozio come tutta l'Emilia Romagna esclusa dalla proroga del 110% per le aree terremotate. La sindaca, Simona Vietina, dal palco fa un appello al governo perché riveda il decreto: “I turisti tornino abbiamo bisogno di loro”.

Il servizio di Paolo Pini