Riconoscimento Igp per l'Erbazzone reggiano, che ora guarda all'Europa

L'ufficialità per la prelibatezza è arrivata dal Ministero dell'Agricoltura: superata l'opposizione di un'azienda. Ora la partita di sposta a Bruxelles

Riconoscimento Igp per l'Erbazzone reggiano, che ora guarda all'Europa
Ansa
ANSA

L'Erbazzone reggiano, la torta salata di origine medievale che nasce come piatto povero contadino e oggi è un fiore all'occhiello della cultura culinaria reggiana, ha ottenuto il riconoscimento Igp, l'Indicazione geografica protetta. 

Ieri è arrivata l'ufficialità dal Ministero dell'Agricoltura che ha accolto le controdeduzioni dell'associazione di produttori in seguito all'opposizione alla domanda che era giunta da una società torinese. Ne dà notizia lo studio legale Pagliani-Dallari che ha tutelato l'associazione dei produttori nell'iter della domanda. 

"Ora il dossier verrà trasferito a Bruxelles per passare al vaglio degli uffici della Commissione europea. Si tratta di un ulteriore passo" per la 45esima Dop e Igp dell'Emilia Romagna, ha sottolineato l'assessore regionale all'Agricoltura Alessio Mammi, che osserva: "La Food Valley vale 3,6 miliardi di euro alla produzione su 8,5 miliardi a livello nazionale, e il comparto agro-alimentare della regione ha raggiunto nel complesso 34 miliardi di euro di volume produttivo, di cui quasi 10 miliardi esportati".

L'Erbazzone reggiano è una torta salata ripiena, costituita da due sfoglie di pasta non lievitata all'interno delle quali è contenuto un ripieno a base di erbe e Parmigiano Reggiano. È di forma rotonda o rettangolare, irregolare, di spessore compreso tra uno e tre centimetri. Il processo di produzione dell'Erbazzone reggiano prevede la preparazione della pasta con farina di grano tenero, acqua, strutto, sale. 

La lavorazione del ripieno prevede l'utilizzo di spinaci e bietole cotte e insaporite con un soffritto preparato con cipolla e lardo, che può essere aromatizzato a piacere con aglio, prezzemolo e/o pepe. A questi ingredienti si aggiungono formaggio, Parmigiano Reggiano e pane grattugiato. Altri ingredienti opzionali sono latte e olio extravergine di oliva e burro a integrazione del lardo. È vietata l'aggiunta di conservanti, aromi e/o altri additivi. La zona di produzione è costituita dall'intero territorio della provincia di Reggio Emilia.