Nuova vita per le terme di Porretta

Investimento da 30 milioni: diventeranno un centro di riferimento nazionale per la riabilitazione

Le antiche Terme di Porretta ripartono con un progetto di riqualificazione e ristrutturazione: grazie a un investimento da trenta milioni di euro, lo stabilimento termale dell'Appennino Bolognese divemterà il primo centro nazionale di riabilitazione e cura per pazienti Inail.

Il 2 aprile saranno riaperte al pubblico le Terme basse e le quattordici tipologie di acque sulfuree e salsobromoiodiche del complesso saranno impiegate per nuovi servizi. Entro l'estate verrà riqualificato anche il parco termale con la creazione di una piscina termale scoperta e verrà effettuato il recupero delle Naiadi. Una delle cupole diventerà una spa termale, in sinergia con la parte clinica delle terme.

È prevista anche l'inaugurazione della via termale Porretta - Villaggio della Salute Più, un percorso ciclopedonale con 15 diramazioni verso luoghi di particolare interesse naturalistico, storico e culturale attraversando Val Sillaro, Vidiciatico, Lizzano, Corno alle scale: un punto di partenza per il turismo green.

Nel servizio di Paolo Pini le interviste al professor Antonio Monti, direttore scientifico del Gruppo Monti, e agli assessori regionali alla sanità e al turismo, Raffaele Donini e Andrea Corsini.