Bologna, nuovo hub per i profughi ucraini

Inaugurato in autostazione a Bologna. Offre assistenza per le pratiche burocratiche e controlli sanitari

Dopo l'incendio, venerdì scorso per un cortocircuito, della tensostruttura in piazza XX settembre, è stato allestito e aperto in tempi record un nuovo hub di prima accoglienza per i profughi ucraini all'autostazione di Bologna. 
Nei cinque locali che saranno oggetto di un progetto di riqualificazione sono già tornati operativi gli sportelli della questura per l'identificazione, l'ospitalità e il sostegno, oltre a tutte le attività sanitarie gestite dall'Ausl per la prevenzione sanitaria: dai tamponi anticovid ai test per la tubercolosi.

Nel servizio di Maria Chiara Perri, montato da Diego Gualandi con le immagini di Giacomo Lagrasta, le interviste a Simone Borsari, assessore alla protezione civile del Comune di Bologna, e a David Pierinelli, presidente dell'autostazione di Bologna.