Covid. Il ricordo delle vittime

Il 13 marzo in Piazza Maggiore a Bologna saranno letti i 3700 nomi di chi è morto di covid.

"Dietro a queste 3700 storie di dolore di parenti e amici, ci sono anche le storie degli operatori sanitari e delle associazioni di volontariato che si sono battute senza sosta in tutte le fasi di questa pandemia. È giusto celebrare un dolore collettivo insieme alla memoria di persone che purtroppo non ce l'hanno fatta". Così il dg dell'Ausl di Bologna, Paolo Bordon, a margine della conferenza stampa di presentazione della giornata commemorativa della vittime del Covid. Il 13 marzo a Bologna, in piazza Maggiore, si celebreranno le 3700 vittime del virus lasciando una targa con il nome e l'anno di nascita della persona morta. L'iniziativa è stata voluta dall'Ausl di Bologna, dalla Croce Rossa e dalle 13 associazioni di volontariato bolognese che hanno supportato il personale sanitario nella gestione della pandemia: dai ricoveri fino alle vaccinazioni.