Il sostegno di Bologna

Nel capoluogo di regione tante le iniziative per accogliere i profughi in fuga dalla guerra

Si attiva la macchina della solidarietà nel Bolognese per rispondere all'emergenza del conflitto e continuano ad aumentare i posti messi a disposizione di chi arriva in città.

Nel servizio Francesco Tomei ha intervistato Alberto Mariuzzi dell'Ausl di Bologna - che prenderà in carico i profughi dal punto di vista sanitario - e Filomena Massaro, direttrice dell'Istituto Comprensivo 12 di Bologna, che spiega la volontà di garantire ai bambini in fuga i servizi educativi.