Questura di Bologna sgomina rete di spaccio da due milioni al mese

Nove le misure cautelari eseguite: in manette un albanese. Sequestrati ingenti quantità di cocaina ed eroina

La squadra mobile di Bologna ha eseguito una ordinanza applicativa di misure cautelari personali nei confronti di nove persone - italiani e anche originari di Albania e Marocco - ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione ai fini di spaccio di cocaina. L'indagine, condotta nel 2021 con il coordinamento della Procura, ha permesso agli investigatori di smantellare un giro di spaccio a Bologna e in altre regioni del nord e del centro Italia. 

Un uomo di nazionalità albanese, residente a Firenze, durante una perquisizione è stato trovato in possesso di 26 chili di cocaina e 22 di eroina. Gli accertamenti investigativi, oltre ad avere registrato vendite di cocaina ed eroina in tredici regioni italiane, hanno ricostruito anche la frequenza degli approvvigionamenti di queste sostanze stupefacenti e hanno permesso alla polizia di stimare il volume di affari del giro di spaccio che, secondo la mobile, al pusher albanese - arrestato - avrebbe fruttato oltre due milioni di euro al mese a fronte del commercio mensile di 50 chili di cocaina e 20 di eroina.