Il movimento "Non Una di meno": "Donne molestate durante l'Adunata"

Sarebbero centinaia gli episodi segnalati al collettivo. Il presidente dell'Ana Favero: "In caso di denunce pronti a prendere provvedimenti"

A Rimini l'associazione "Non Una di meno" ha organizzato un'assemblea pubblica sulle molestie sessuali segnalate da diverse donne durante i tre giorni dell'Adunata nazionale degli alpini che si è conclusa domenica.
La sezione locale del movimento femminista aveva invitato a denunciare eventuali episodi. Sono centinaia - riferiscono le attiviste - le persone che hanno raccontato la propria esperienza: fischi, urla, proposte oscene e in alcuni casi anche mani allungate.
In una nota, l'Associazione Nazionale Alpini ha condannato questi episodi, ma ha anche sottolineato che "dopo gli opportuni accertamenti, risulta che alle forze dell'ordine non sia stata presentata alcuna denuncia". Complicato formalizzare le testimonianze in una denuncia - ribatte "Non Una di meno" - ma non è escluso che gli episodi più gravi verranno segnalati.

Sulla vicenda è intervenuto con un video anche il presidente nazionale dell'ANA, Sebastiano Favero: "Ci sono stati segnalati da parte di qualcuno episodi di molestie alle donne. Noi come Associazione Nazionale Alpini condanniamo questi episodi se effettivamente ci fossero stati e stiamo aspettando se effettivamente si sono concretizzati e se ci sono denunce in tal senso. Se le denunce coinvolgeranno alcuni nostri associati ovviamente prenderemo provvedimenti. Gli episodi segnalati sono da condannare se provati e soprattutto da condannare se fatti da qualche alpino".