Cervia, giardiniere morto: sospeso ex dirigente

Per l'accusa l'indagato sapeva che i mezzi erano pericolosi. La vittima, 44 anni, cadde da un cestello mentre potava

L'infortunio mortale è avvenuto il 18 febbraio scorso in via Capua a Cervia (Corelli)
L'indagato si è avvalso della facoltà di non rispondere. E la difesa ha poi depositato documenti dai quali si evince che l'uomo, un 68enne di Bagnacavallo, dalla carica di amministratore della società, la ravennate DeltAmbiente, si era dimesso a maggio, circa tre mesi dopo l'infortunio che verso le 13.30 del 18 febbraio scorso su via Capua a Cervia, era costato la vita al giardiniere 44enne Pierantonio Ferraresi di Comacchio. Come dire che non c'era più nessun pericolo di reiterazione del reato. 

Al netto dell'interrogatorio di garanzia di ieri mattina, il gip Sabrina Bosi ha invece confermato la misura del divieto di esercitare l'attività professionale per otto mesi rilevando in buona sostanza il fatto che se anche la qualifica dirigenziale è venuta meno, l'indagato è ora socio lavoratore dell'impresa: posizione che non garantisce l'impossibilità di commettere altri reati. L'uomo, difeso dagli avvocati Claudio Cicognani e Michele Dell'Edera, è indagato per omicidio colposo aggravato (dall'avere agito nonostante la previsione dell'evento) perché, secondo quanto finora emerso dalle indagini coordinate dal pm Angela Scorza, nonostante una evidente usura avrebbe omesso la manutenzione della piattaforma aerea sulla quale stava lavorando il 44enne per eseguire potature al verde pubblico: a un certo punto il cestello era precipitato schiantandosi al suolo a una velocità di 50 chilometri orari. 

I tre testimoni avevano riferito di"una forte botta" e di"un forte tonfo di rumore metallico: mi sono subito girato e ho visto il braccio con il cestello del collega che cadeva e terra". Un'altra testimonianza sempre citata nell'ordinanza cautelare, aveva canalizzato i sospetti verso lo stato dell'attrezzatura: la moglie del defunto aveva infatti riferito che in più di una occasione il 44enne si era lamentato dello stato delle macchine. In particolare la donna aveva consegnato agli inquirenti un video realizzato dall'uomo con il suo cellulare-Mostrava il fumo che usciva dal motore del cestello.