L'iniezione fatale, praticata in casa

La 35enne accusò un malore subito dopo il trattamento estetico, i soccorsi furono inutili

La ricostruzione di quanto avvenuto lo scorso 21 aprile, quando Samantha Migliore perse la vita dopo un'iniezione al seno. Il malore la colse subito dopo la procedura ma la corsa in ospedale fu inutile per la 35enne.

Pamela Andress - senza nessun titolo da estetista - finì ai domiciliari per aver praticato il trattamento nella casa della vittima, a Maranello.

Il servizio di Francesca Romanelli