Riprendono le ricerche di Sara Pedri

Carabinieri e cani specializzati stanno scandagliando il lago di Santa Giustina, dove potrebbe trovarsi il corpo della ginecologa forlivese scomparsa nel 2021

Non si perdono le speranze per Sara Pedri. In Trentino sono infatti ripartite le ricerche della ginecologa di Forlì scomparsa nel marzo 2021. 

I carabinieri subacquei di Genova sono tornati sul lago di Santa Giustina, stavolta con cani molecolari addestrati a fiutare cadaveri in acqua. Con loro altre unità cinofile di ricerca dei carabinieri di Bologna. Si andrà avanti anche nella giornata di lunedì 17 ottobre.

La trentunenne si era trasferita a Cles a novembre 2020 dopo aver vinto il concorso da dirigente medico. Il giorno prima della scomparsa aveva presentato le sue dimissioni all'azienda sanitaria trentina a causa di presunti maltrattamenti sul lavoro.

Nel servizio di Anna Bigano della sede di Trento (immagini Gianni Motter, montaggio Luca Castagnoli) le interviste a Emanuela Pedri, sorella di Sara; Guido Quatrale, comandante Carabinieri di Cles; Jorg Baumann, polizia cinofila tedesca.