Il boss Grande Aracri: "Mi sento braccato"

Al processo Grimilde sulla 'ndrangheta a Brescello il principale imputato replica alla requisitoria del pubblico ministero

"Hanno arrestato tutta la mia famiglia, mi sento braccato": a parlare, commentando alcuni passaggi della requisitoria del pubblico ministero, è Francesco Grande Aracri, fratello del boss Nicolino, considerato l'uomo che dettava le strategie economiche del clan. E in aula i difensori chiedono l'assoluzione per altri imputati.
Nel servizio di Luca Ponzi l'intervista a Elena Benassi, sindaca di Brescello, Comune che si è costituito parte civile.