Tumori di origine sconosciuta, a Bologna in corso una ricerca per capirli e curarli

In un laboratorio dell'Università, con finanziamenti dell'Airc, all'opera dieci ricercatori. Obiettivo: cercare nuove strategie per sconfiggere la malattia

Trovare nuove opportunità di cura e migliorare l'aspettativa di vita dei pazienti con tumore di origine sconosciuta: questo l'obiettivo di una ricerca condotta in un laboratorio nel Dipartimento di medicina specialistica, diagnostica e sperimentale dell'Università di Bologna. Laboratorio nato sei anni fa e che opera, grazie a finanziamenti dell'Airc, sotto la supervisione di Manuela Ferracin, professoressa associata di Patologia generale. 
La ascoltiamo nel servizio di Roberta Castellano (montaggio di Andrea Neri)