Sanitari non vaccinati, cabina di regia regionale al lavoro

Viale Aldo Moro ha chiesto un parere alla commissione di esperti sul covid per capire come e dove reintegrare il personale sospeso. Attese nei prossimi giorni linee guida per le direzioni sanitarie

Sarà la cabina regionale covid a dettare la linea su come e dove reintegrare il personale sanitario non vaccinato, che per effetto del nuovo decreto del governo può tornare al lavoro dal primo novembre. L'Emilia-Romagna sceglie dunque di affidarsi al gruppo di esperti che dal 2020 esprime pareri sulla gestione locale della pandemia. 

Il neoministro Schillaci ha lasciato infatti in capo alle singole direzioni sanitarie la decisione sulla ricollocazione di medici, infermieri e operatori sanitari che non hanno voluto vaccinarsi contro il covid. Si tratta, da Piacenza a Rimini, di 480 persone, numero però che riguarda solo quelle impiegate nella sanità pubblica o convenzionata. Aggiungendo anche i professionisti che lavorano in proprio e nel privato le cifre potrebbero anche raddoppiare. 

Il servizio di Sara Scheggia, montato da Matteo Cotugno.