Hera nel mirino dell'Antritrust

E' accusata, con altre sei grandi aziende del settore, di aver modificato unilateralmente, in modo illegittimo, il prezzo di gas ed elettricità

L'accusa è di aver aumentato le bollette dopo il 10 agosto, quando il decreto “Aiuti-bis” del Governo aveva invece bloccato i rincari. Nel mirino dell'Antitrust sono finite le sette principali società fornitrici di energia sul mercato libero, tra cui la multiutility emiliana Hera.  Nei loro confronti l'autorità ha avviato istruttorie e adottato provvedimenti cautelari, chiedendo di sospendere gli aumenti e ripristinare i prezzi in vigore prima del 10 agosto. Per Federconsumatori che ha fatto l'esposto contro Hera si tratta di “un'ottima notizia per i cittadini dell'Emilia-Romagna”.

Il servizio di Pasquale Notargiacomo (montaggio Marco Sermenghi)