Caro carburanti, sciopero dei benzinai: "Non siamo speculatori"

Braccia incrociate il 25 e 26 gennaio. Faib: "L'aumento dei prezzi dipende dalle accise"

Le associazioni di categoria dei benzinai hanno proclamato uno sciopero il 25 e 26 gennaio. "Per ristabilire la verità", scrivono in una nota. Secondo loro, l'aumento della benzina non dipende dalla speculazione ma solo dai 30 centesimi di accise. E le tariffe - dicono- “non le decidiamo noi ma le compagnie petrolifere”.

Nel servizio di Serena Biondini l'intervista a Ercole Gori, presidente di Faib Confesercenti Emilia-Romagna