Caso Saman, nominati i due super consulenti

Un secondo medico legale e un genetista incaricati di identificare le tracce di Dna repertate con il recupero del corpo

La Corte d'Assise di Reggio Emilia ha conferito l'incarico a due nuovi consulenti - un medico legale e un genetista - per analizzare approfonditamente le tracce di Dna che sono state individuate dopo il recupero del corpo di Saman Abbas, la 18enne pakistana uccisa e poi sepolta in un casolare abbandonato nelle campagne di Novellara.

Entro 90 giorni i tecnici dovranno depositare le loro relazioni. Nel frattempo inizierà il dibattimento che vede imputati imputati i genitori della ragazza, due cugini e lo zio Danish. E giovedì è prevista una nuova udienza per l'estradizione dal Pakistan del padre della giovane, Shabbar.

Nel servizio di Luca Ponzi, l'intervista al difensore di Danish Hasnain Liborio Cataliotti