Covid, ecco chi può uscire dall'isolamento senza tampone

Le nuove regole dettate dal ministero della Salute: per i positivi che sono sempre stati senza sintomi, o per chi è asintomatico da almeno 48 ore, via libera cinque giorni dopo il primo test che ha rivelato la positività

Per i positivi che sono sempre stati senza sintomi, o per chi è asintomatico da almeno due giorni, d'ora in poi l'isolamento termina cinque giorni dopo il primo test che ha rivelato la positività al coronavirus. Non è dunque più necessario il tampone negativo. E per gli asintomatici l'isolamento può terminare anche prima dei cinque giorni, qualora risulti negativo un test, antigenico o molecolare, effettuato in una struttura sanitaria o in farmacia.
Sono le nuove regole per la gestione dei casi Covid, come spiega una circolare del 31 dicembre 2022 del Ministero della Salute che illustra le principali novità normative. 
Ci sono poi dei casi particolari. 
Per gli immunodepressi, il via libera scatta dopo un periodo minimo di cinque giorni, ma è necessario il tampone che accerti la negatività al virus. 
E gli operatori sanitari possono uscire dall'isolamento se asintomatici da almeno due giorni e con test negativo.
Nuove misure, infine, per chi arriva dalla Repubblica Popolare Cinese: chi è entrato in Italia nei sette giorni precedenti il primo tampone positivo, potrà terminare l'isolamento dopo un periodo minimo di cinque giorni da quel test, se asintomatici da almeno due giorni e negativi a un test antigenico o molecolare.
Per tutti, a isolamento finito, è comunque obbligatorio l'uso di mascherina FFP2 fino al decimo giorno dall'inizio dei sintomi, o dal primo test positivo per gli asintomatici.