Scuola di sinodalità, la fede per promuovere il dialogo

Al via l’iniziativa promossa da Fondazione per le scienze religiose e Facoltà Teologica dell'Emilia Romagna. Fino al 19 febbraio incontri domenicali alla Chiesa di Santa Maria della Pietà. Le conclusioni affidate all’arcivescovo Zuppi

Si definisce piccola, ma ha alle spalle una grande mobilitazione. Editoria, associazioni, movimenti, diocesi e facoltà: la piccola scuola di sinodalità dà appuntamento a Bologna con una serie di 21 incontri. 

All'apertura ufficiale nella chiesa di Santa Maria della Pietà, dedicata alla sequela di Gesù, la prolusione di don Erio Castellucci arcivescovo di Modena. Partire dalla pazienza di studiare e di capire: è questo il proposito dell’iniziativa organizzata da  Fondazione per le scienze religiose di Bologna e dalla Facoltà Teologica dell'Emilia Romagna. 

Dall'analisi delle scritture l’intento è conoscere meglio il presente e immaginare una Chiesa più accogliente, vicina ai bisogni di tutti i giorni e alle grandi domande della comunità, quelle che figurano negli Atti degli apostoli al centro dell’intervento di Giuseppe Betori cardinale di Firenze.

Gli appuntamenti proseguiranno fino al 19 febbraio. Tra gli ospiti annunciati anche accademici da Inghilterra e Francia, mentre le conclusioni saranno affidate all'arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi. Possibile seguire le serate anche online sul sito fscire.it

Nel servizio di Francesco Maltoni - montato da Dario Fabbri - le parole dell'arcivescovo di Modena e del cardinale di Firenze, insieme a quelle dello storico Alberto Melloni.