Modena

Omicidio Gozzoli, slitta a lunedì la decisione sul rinvio a giudizio chiesto dalla procura

Udienza preliminare per i due giovani romeni accusati del delitto del 41enne bolognese. Gli avvocati difensori annunciano battaglia

Per la procura uccisero il 41enne bolognese Alessandro Gozzoli nel suo appartamento di Casinalbo, nel Modenese, durante un rapporto sessuale a pagamento. Poi gli rubarono macchina, carte di credito e computer. I due accusati, rumeni di 20 e 21 anni, furono arrestati uno in Romania e l’altro in Inghilterra nel maggio dello scorso anno, a due mesi dai fatti, e da allora sono in carcere. Dopo l’avvio dell’udienza preliminare in tribunale a Modena, la decisione sul rinvio a giudizio chiesto dalla procuratrice Graziano è stata rimandata al prossimo lunedì.
La difesa del 21enne ha chiesto l’abbreviato condizionato a un nuovo accertamento medico legale: per il suo avvocato Andrea Margotta potrebbe stabilire che non fu lui a uccidere Gozzoli. Il Gup ha poi respinto l’eccezione di nullità presentata dalla difesa dell’altro imputato, il 20enne. Nel fascicolo digitale - spiega l’avvocata Maria Larossa - mancavano 1000 pagine su 6mila.

Il servizio di Giulia Bondi con le interviste ad Andrea Margotta e a  Maria Larossa (avvocati difensori del 20enne e del 21enne accusati dell'omicidio)