Friuli Venezia Giulia
    05 Giugno 2020 Aggiornato alle 22:44
    Cronaca

    L'inquinamento supera le soglie di legge

    In Friuli scattano i piani anti-smog

    Polveri sottili oltre il limite ormai da diversi giorni: limitazioni all'uso del riscaldamento nel Pordenonese. A Udine, stop pomeridiano all'accesso al centro storico per i mezzi più vecchi e inquinanti
    Credits © Rai Una centralina per le rilevazioni della qualità dell'aria
    Una centralina per le rilevazioni della qualità dell'aria
    A causa degli alti livelli di inquinamento sono in vigore da oggi, giovedì 9 gennaio, e fino a nuova comunicazione le misure di emergenza stabilite dal piano antismog a Pordenone e altri 9 comuni del Friuli occidentale: Azzano Decimo, Cordenons, Fiume Veneto, Pasiano, Porcia, Prata, Roveredo in Piano, San Quirino e Zoppola.

    La temperatura all'interno degli edifici deve essere impostata a massimo 20 gradi in abitazioni e uffici; il limite è invece di 18 gradi per gli edifici adibiti ad attività industriali e artigianali. Sono inoltre vietati il riscaldamento a legna e l'accensione di fuochi all'aperto. 

    Per quanto riguarda le limitazioni al traffico, i limiti alla circolazione scatteranno solo a partire dal 15 gennaio e fino al 31 marzo, dalle 16 alle 20, escluso il sabato, a Pordenone e unicamente all'interno del ring per i veicoli più inquinanti. 

    Anche a Udine lo smog resta alto e per questo all'interno del ring cittadino dalle 16 alle 20 è vietato l'accesso al centro storico ai mezzi più inquinanti fino al 31 marzo. 
     
    Raccolta differenziata rifiuti Micoli
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Cronaca