Friuli Venezia Giulia
    24 Settembre 2021 Aggiornato alle 23:40
    Cronaca

    Dichiarare il Porto di Trieste libero dal transito di armi

    La proposta di The weapon watch, analoga anche per altre città portuali italiane ed europee, viene presentata nella sede dell'Associazione Auser
    Credits © tgr fvg Attività di movimentazione merci al Molo VII
    Attività di movimentazione merci al Molo VII
    Dichiarare il Porto di Trieste libero dal transito di armi: è la proposta, sul modello anche di una legge attualmente in discussione al Laender di Amburgo, che viene presentata nel capoluogo nel pomeriggio di lunedì 20 luglio nella sede dell'Associazione per l'invecchiamento attivo Auser. Interviene Carlo Tombola, coordinatore di The weapon watch, Osservatorio internazionale sui movimenti d'armi nei porti, che ha presentato analoga proposta anche per altre città portuali italiane ed europee.

    L'iniziativa, spiegano i promotori, trova terreno favorevole a Trieste, che in base al Trattato di Pace e alla Risoluzione 16 del Consiglio di Sicurezza ha lo status di area smilitarizzata e neutrale; nonché in base alla legge del 1990 sulla disciplina dei traffici d'armi, recepita da un regolamento emanato in proposito, da Autorità portuale e Capitaneria di porto di Trieste. All'incontro inerviene anche l'ex sindaco di Capodistria Aurelio Juri, redattore di una proposta per la denuclearizzazione del Golfo di Trieste.
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Cronaca