Friuli Venezia Giulia
    27 Settembre 2020 Aggiornato alle 19:34
    Economia & Lavoro

    La vertenza in Friuli Venezia Giulia coinvolge 2 mila persone

    Sanità privata, sciopero e presidio

    Il contratto è scaduto da 14 anni. Situazione di stallo, dopo le aperture di giugno
    Credits © TGR Il presidio udinese dei lavoratori della sanità privata
    Il presidio udinese dei lavoratori della sanità privata
    Dopo le assemblee e i presidi di fine agosto, lavoratori della sanità privata in sciopero per il rinnovo del loro contratto, scaduto da ben 14 anni e tuttora fermo dopo oltre 3 anni di trattativa. 

    La vertenza, che coinvolge in regione circa duemila dipendenti del settore, sembrava giunta a una positiva conclusione lo scorso 10 giugno, con la firma della pre-intesa tra i sindacati di categoria  e le due associazioni datoriali della sanità privata che poi hanno rigettato l'accordo sottoscritto. 

    L'astensione dal lavoro a livello regionale è stata accompagnata da un presidio sotto la Prefettura di Udine. 

    Nel servizio di Giovanni Taormina, le ragioni della protesta, nelle parole di Orietta Oliva della CGIL, di Fiorella Luri della CISL, e di Stefano Bressan della UIL.
    Taormina Sanita 16 settembre
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Economia & Lavoro