Friuli Venezia Giulia
    23 Gennaio 2021 Aggiornato alle 21:54
    Economia & Lavoro

    Turismo montano, nove Regioni chiedono ristori immediati

    C'è anche Bini (Fvg). "Servono misure certe e adeguate in caso di ulteriore rinvio dell'apertura degli impianti sciistici nel prossimo Dpcm"
    Credits © Tgr Rai Una seggiovia
    Una seggiovia "congelata" a Sappada
    Ristori certi, immediati e proporzionali alle perdite subite per gli operatori del settore turistico in montagna, nel caso in cui il governo decida un nuovo rinvio dell'apertura degli impianti di risalita (prevista nell'attuale Dpcm per il 18 gennaio).
    Li chiedono gli assessori regionali competenti di nove Regioni, compreso quello del Friuli Venezia Giulia, Sergio Emidio Bini. 
    Altra richiesta, quella di una data certa e garantita per la riapertura.
    A livello nazionale, il turismo legato alla montagna, in condizioni normali, sviluppa almeno 20 miliardi di euro per stagione 
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Economia & Lavoro