Friuli Venezia Giulia
    25 Febbraio 2021 Aggiornato alle 19:21
    Politica & Istituzioni

    "Non si tratta di chiedere perdono, ma di riconoscere quanto accaduto"

    L'invito del sindaco di Trieste Dipiazza a proseguire sulla strada della riconciliazione. Le critiche a Boris Pahor che lo scorso 13 luglio, sollecitato dalla stampa, parlò delle foibe come di "una balla"
    Credits © Tgr Rai Fvg Il sindaco di Trieste Dipiazza alla Foiba di Basovizza
    Il sindaco di Trieste Dipiazza alla Foiba di Basovizza
    "Sarà impossibile avere una memoria condivisa", ma "vale comunque continuare questo percorso di amore avviato". Il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, alla cerimonia del giorno del ricordo alla Foiba di Basovizza, ha ricordato il ritrovarsi dei tre presidenti (Italia, Slovenia, Croazia) a Trieste prima e a Redipuglia dopo, e il gesto di pace di Sergio Mattarella e l'omologo sloveno Borut Pahor mano nella mano proprio di fronte al monumento sul carso triestino.

     "Non si tratta di chiedere perdono, ma di riconoscere quanto accaduto chiedendo scusa e con una preghiera rendere omaggio ai nostri martiri", ha detto. Dipiazza ha sottolineato che lì, sul Carso, "ogni pietra ha un lamento", poiché "per mano dei comunisti titini, con la connivenza dei comunisti italiani, sulle nostre terre si è consumato l'olocausto delle foibe" e "la tragedia dell'esodo".

    Il sindaco ha ricordato che, "a guerra finita", si è scatenata "una furia cieca nei confronti di indifesi, inermi, vinti, di coloro che rappresentavano un ostacolo alla ideologia comunista". Poi, dal 30 marzo 2004, quando "il Parlamento italiano ha istituito il Giorno del Ricordo", la verità "ha iniziato a squarciare il muro di un silenzio complice di stati, governi, politici".

    Poi, la critica allo scrittore Boris Pahor che, "riferendosi al Giorno del Ricordo ancora afferma: 'E' tutto una balla, non era vero niente'". Insomma, un percorso "non ancora terminato" ma che potrà "porre rimedio ad una delle vergogne dello Stato italiano". 
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Politica & Istituzioni