Friuli Venezia Giulia
    12 Giugno 2021 Aggiornato alle 23:01
    Economia & Lavoro

    "Un nuova linea di zincatura alla Ferriera di Servola"

    L'investimento da 100 milioni di euro darà lavoro a trenta persone. L'annuncio del Gruppo Arvedi nel corso di un confronto con Regione e sindacati
    Credits © RAI La Ferriera di Servola un anno dopo la chiusura dell'area a caldo
    La Ferriera di Servola un anno dopo la chiusura dell'area a caldo
    Realizzare una nuova linea di zincatura per un investimento di ulteriori 100 milioni di euro: è la volontà che il Gruppo Arvedi ha espresso, durante un incontro con i sindacati e la Regione sul piano di sviluppo della Ferriera di Trieste dopo la chiusura dell'area a caldo. Lo rendono noto le rappresentanze sindacali locali di Fim, Fiom, Uilm, Failms e Usb, che il primo giugno hanno partecipato all'incontro assieme al presidente del gruppo, Mario Caldonazzo, e all'assessora regionale al Lavoro Alessia Rosolen.

    "Questo investimento - spiegano i sindacati in una nota - diverrebbe strategico nel completare il piano industriale dell'area freddo e prevede trenta ulteriori assunzioni. In tal senso sollecitiamo le istituzioni e gli enti preposti a lavorare velocemente affinché vengano rilasciate le opportune autorizzazioni".

    "L'azienda -aggiungono- ha inoltre confermato che l'ordine degli impianti di zincatura e verniciatura, già previsto nell'Accordo di programma è partito. Pertanto si prevede che gli impianti siano
    messi in opera entro il termine della Cassa integrazione straordinaria".

    Allo stesso tempo la Regione ha fornito i dettagli dei percorsi di riqualificazione delle maestranze dell'area caldo. Ad oggi - riferiscono i rappresentanti sindacali- sono stati coinvolti più di 160 lavoratori, la gran parte dei quali è già operativa presso gli impianti.  Alla luce di questo, i sindacati esprimono un giudizio positivo sull'incontro auspicando che il completamento del piano industriale prosegua velocemente fino al riassorbimento di tutte le maestranze dalla Cassa integrazione.
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Economia & Lavoro