Friuli Venezia Giulia
    01 Dicembre 2021 Aggiornato alle 23:06
    Cronaca

    Processo Regeni, gli agenti accusati chiedono l'annullamento

    L'assenza delle notifiche è la motivazione addotta dalla difesa, ma i quattro imputati non avrebbero fornito alcun recapito
    Credits © Rai Gli oggetti di Giulio
    Gli oggetti di Giulio
    A Roma prima udienza del processo a carico dei quattro agenti egiziani (che non erano presenti in aula) accusati di avere sequestrato, torturato e ucciso il ricercatore friulano Giulio Regeni nel febbraio del 2016. In aula, anche i genitori di Regeni e la sorella. I giudici della Terza corte d'Assise sono entrati in camera di consiglio per decidere sulla richiesta di nullità del processo avanzata dalle difese dei quattro imputati, tutti ufficiali dei servizi segreti egiziani, per la mancanza delle notifiche. Notifiche mai consegnate in quanto gli imputati non hanno mai fornito alcun recapito. "Tredici indizi dimostrano come gli imputati si siano sottratti volutamente al processo" ha detto il pubblico ministero Sergio Colaiocco. La Corte dovra' decidere anche sulla richiesta di costituzione di parte civile del governo italiano.
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Cronaca