Friuli Venezia Giulia
    24 Gennaio 2022 Aggiornato alle 22:27
    Società

    L'Itis sperimenta la casa di riposo a domicilio

    Progetto pilota: operatori professionali portano nelle case degli anziani fragili la parte essenziale delle rsa e si evitano le badanti inesperte
    di Francesca Vigori
    Credits © Tgr Rai Una parte del complesso dell'Istituto Triestino Interventi Sociali
    Una parte del complesso dell'Istituto Triestino Interventi Sociali
    Si potrebbe definire un'esperienza di casa di riposo a domicilio, con le competenze e la professionalità di operatori che portano nelle case degli anziani fragili la parte essenziale delle rsa, consentendo allo stesso tempo agli assistiti di restare nel luogo dei loro affetti e delle loro abitudini domestiche. E' un esperimento pilota che l'Itis di Trieste ha attivato in collaborazione con una cooperativa di caregiver bergamasca, la Kcs.

    Chiave del progetto, la personalizzazione. Ciascun anziano e i suoi familiari concorderanno un pacchetto di servizi ritagliato sulle reali necessità e desideri. In questo modo sarà possibile evitare la presenza di badanti a volte poco esperte, spesso forzatamente conviventi.

    Il servizio esterno, sempre collegato all'Itis, può fornire assistenza in vari momenti della giornata, con diversi tipi di operatori, per l'alzata mattutina, per una sessione di riabilitazione motoria, per iniezioni o medicamenti, per i pasti, per l'assistenza notturna. La platea di utenti va dalle persone autonome fino ai non autosufficienti gravi e con problemi di tipo comportamentale o cognitivo.

    Per ogni necessità c'è personale appositamente formato e a sua volta garantito contrattualmente. Le selezioni sono avvenute in marzo, seguite da mesi di formazione.

    Il costo non è diverso da quello della residenza assistita, il valore aggiunto è la qualità di una vecchiaia trascorsa in casa. I pacchetti di servizi vanno dai 1200 euro al mese per 4 ore di assistenza al giorno per 5 giorni a settimana, ai 1900 dell'assistenza diurna tutta la settimana per 54 ore, fino ai 3300 dell'H24. Tutte le spese sanitarie sono detraibili fiscalmente.
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Società