Friuli Venezia Giulia
    02 Ottobre 2022 Aggiornato alle 13:37
    Arte & Cultura

    Nella caserma Montezemolo di Palmanova il rifugio delle opere d'arte

    Secondo l'indicazione del Ministero della Cultura, sarà uno dei cinque siti nazionali, l'unico nel nord est, a custodire gli oggetti d'arte in caso di calamità
    di Sebastiano Franco
    Credits © TgrFvg La caserma Montezemolo a Palmanova
    La caserma Montezemolo a Palmanova
    Una fortezza dove custodire e recuperare le opere d'arte italiane in caso di terremoti, inondazioni, frane. Palmanova, secondo l'indicazione del Ministero della Cultura, sarà uno dei cinque siti nazionali, l'unico nel nord est, all'interno del progetto Recovery Art. Succederà grazie al finanziamento da 20 milioni di euro del Pnrr per riqualificare l'ex caserma Montezemolo.
    caserma montezemolo
    Un'area da 50 mila metri quadrati. Nei 6mila 600 metri quadrati coperti potranno essere realizzate zone di accoglienza dei beni artistici, e ci sarà spazio per depositi, laboratori di messa in sicurezza e di restauro, uffici, una zona per esposizioni temporanee, una foresteria e aule didattiche. Il progetto che ha già ottenuto il via libera dalla cabina di regia del Pnrr è ora al vaglio della Commissione Europea per l'ultimo passaggio formale. Sarà l'occasione per intervenire su un'area, ora di proprietà statale, abbandonata da molti anni.

    Un'altra tappa nel percorso iniziato nel 2011 con la pulizia dei Bastioni, poi il finanziamento da 10 milioni del 2016, e il riconoscimento Unesco l'anno dopo. Nel 2020 l'ex caserma napoleonica Gamerra, interna al complesso della Montezemolo, era stata affidata alla soprintendenza per ospitare reperti archeologici e per l'allestimento di opere d'arte. Il progetto permetterà anche il recupero di aree verdi da destinare a parco urbano, parcheggi, residenze e servizi dando così forte impulso alla crescita della città stellata. 
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Arte & Cultura