Frana a Trieste, nessun rischio per la cabinovia

Dall'amministrazione comunale fanno sapere che la zona del cedimento dista un'ottantina di metri da quella dove sorgeranno i piloni

Frana a Trieste, nessun rischio per la cabinovia
TgrFvg
La frana in via Piani a Trieste

Non c'è correlazione tra la piccola frana verificatasi la notte tra il primo e due aprile in via Piani a Trieste e il tracciato della cabinovia metropolitana Trieste-Opicina. Dall'amministrazione comunale fanno sapere che la zona della frana dista un'ottantina di metri da quella dove sorgeranno i piloni e in mezzo ci sono diverse abitazioni. 

Le cabine sono leggere e non presentano problemi statici; inoltre, ricorda il Comune, la cabinovia ha già avuto i pareri favorevoli della Regione e dei geologi che hanno fatto gli approfondimenti del caso. In merito alla frana verrà chiesto ai privati di mettere in sicurezza il muro di contenimento che è in parte crollato sulla strada.

Secondo uno studio commissionato all'Università di Udine "La realizzazione dell’opera con l’introduzione delle compensazioni previste non genera un danno significativo all’ambiente, ma al contrario consente un complessivo miglioramento.” La relazione propone soluzioni per migliorare gli habitat di alcune specie presenti nella zona.