Friuli Venezia Giulia
    23 Gennaio 2021 Aggiornato alle 21:54
    Ambiente

    Puntata del 3 gennaio

    In sommario, il bilancio 2020 di Coldiretti, le vecchie frasche, rischio etichettature Ue, susine e susini, la vera storia del Baffone Moretti

    Più ombre che luci nel bilancio dell’agricoltura nel 2020 che oggi ci traccia il direttore della Coldiretti del Friuli Venezia Giulia Danilo Merz. Ad un andamento delle produzioni in campo più che sufficiente si sono contrapposte le difficoltà del mercato che hanno creato nuovi punti di crisi in un panorama già in difficoltà. Secondo Merz una possibile via d’uscita è quella della creazione delle filiere regionali per superare speculazioni ed empasse che condizionano il mercato agricolo.
     
     
     Il corsivo di Enos Costantini oggi ci parla di frasche, quei punti di ristoro e spaccio agricolo che presidiavano il territorio offrendo prodotti a chilometro zero ancora prima che se ne sentisse l’esigenza. Ce ne è ancora qualcuna,. Enos l’ha scovata e ce la racconta in una sua esperienza enologica recente.
     
    Nelle rubrica delle normative Marco Malison ci parla dello scampato pericolo di una nuova etichettatura dei prodotti agroalimentari che alcuni paesi dell’Unione europea hanno tentato di introdurre con un blitz finito malamente, etichettatura a punti e colori che avrebbe tenuto conto solo delle percentuali degli ingredienti tralasciando provenienza e tradizione.
     
     Il prof. Raffaele Testolin nello spazio che dedichiamo alla frutticoltura oggi fa il punto su susino e susine, frutti cui i corregionali sono particolarmente legati nelle varietà autoctone, non fosse altro per la diversità di grappe che ci garantiscono. E poi il susino è pianta rustica, generosa che ben sopporta le ingiurie delle potature umane.
     
    Forse a qualcuno cadrà un mito, quello del Baffone della Birra Moretti, immagine da sempre legata ad un presunto contadino friulano che ben sintetizzava il connubio della gente di questa terra con la birra. Non sembra sia andata proprio così dato che sulla scena irrompe un altro contadino, questa volta austriaco, come ci racconta il professor Stefano Buiatti che all’ateneo di Udine insegna tecnologia della birra. La comparazione dei mercati agricolo tra 2019 e 2020 di Amos D’Antoni, le previsioni del tempo per la settimana entrante e il proverbio friulano della settimana concludono questa prima puntata del 2021
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri audio da Ambiente