Friuli Venezia Giulia
    15 Dicembre 2018 Aggiornato alle 00:19

    Porto, gli autotrasportatori sospendono lo stato di agitazione

    In un incontro in Prefettura, si è discusso con i rappresentanti delle associazioni dei disagi che da tempo interessano la categoria per quel che riguarda transiti e permanenza nello scalo giuliano

    I disagi che gli autotrasportatori avvertono nei transiti e nella permanenza nel porto di Trieste sono stati al centro di un incontro in Prefettura, con rappresentanti delle associazioni di categoria, il vice prefetto e l'Autorità portuale. Quest'ultima ha riconoscouto i disagi che da tempo interessano gli autotrasportatori, ai quali ha annunciato che inizieranno con carattere di urgenza i lavori necessari a ridurre i problemi nel transito di entrata e di uscita, sentendo anche il parere di altri enti, tra cui l'Agenzia delle Dogane. Una soluzione per affrontare le difficoltà che, come dicono gli autotrasportatori, comportano perdita di produttività delle imprese, incidendo nei loro bilanci. I lavori dovrebbero avviarsi tra due mesi. Gli autotrasportatori hanno dunque deciso di sospendere lo stato di agitazione, in attesa della verifica dell'ultimazione dei lavori. Il vice prefetto si è fatto garante di parlare con il prefetto perché, di concerto con lAautorità portuale, venga garantita sempre l'operatività di due corsie in ingresso e in uscita.

    Potrebbero interessarti anche...

    Altri video da Economia & Lavoro