Friuli Venezia Giulia
    07 Dicembre 2019 Aggiornato alle 09:46
    Economia & Lavoro

    Reddito di cittadinanza: partito il bando per 21 "navigator"

    I centri per l'impiego si preparano ad accogliere le nuove figure che dovranno aiutare gli oltre 5200 beneficiari del sostegno della regione
    di Eva Ciuk

    E' on-line, sul sito dell'Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, il bando per candidarsi a diventare "navigator" e cioè la figura che aiuterà  i beneficiari del Reddito di cittadinanza a orientarsi nel mercato del lavoro. Per il Friuli Venezia Giulia sono previste 21 nuove assunzioni nei Centri per l'Impiego, dati forniti dall'assessorato regionale al lavoro che precisa che la Regione ha già  ricevuto oltre duemila domande. C'è tempo fino all'8 maggio per presentare la domanda on-line, dove previa registrazione, si trovano i requisiti richiesti, la durata dell'incarico - fino al 30 aprile 2021 -e il  compenso lordo annuo pari a 27.338 euro.
    mentre è appena partito il bando per la selezione dei navigator, l'Inps ha già accolto le prime domande del reddito di cittadinanza. Ma c'è un'incognita, perchè i navigator sono figure centrali dell'assistenza tecnica fornita ai Centri per l'Impiego che dovrebbero convocare i beneficiari del reddito di cittadinanza entro 30 giorni dal riconoscimento. In Friuli venezia Giulia è stato accolto il 72% richieste arrivate dai nuclei familiari all'Inps entro il 31 marzo. Delle domande residue, circa 44mila saranno definite entro questa settimana. Mentre ulteriori 80mila sono le domande presentate insieme al modello Rdc/Com per comunicare la variazione di redditi da attività lavorativa rispetto all'Isee, che saranno lavorate entro la fine del mese di aprile. Il numero maggiore di domande è stato presentato a Udine, dove sono stati accolti due terzi delle richieste, a  Trieste più della metà delle 2.240 , mentre a Pordenone quasi la metà sono state le domande respinte, oltre due terzi invece le domande accolte a Gorizia. 
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Economia & Lavoro