Friuli Venezia Giulia
    22 Gennaio 2020 Aggiornato alle 18:07
    Cronaca

    Conte: "Sul caso Regeni ripartito il dialogo. Ora servono le risposte"

    Al Cairo incontro tra il premier e il presidente egiziano Al-Sisi. Partito il confronto tra inquirenti per esaminare le prove raccolte finora sull'omicidio del ricercatore.

    Sono ripresi i contatti tra gli investigatori, confidiamo che presto riprendano anche i contatti tra le procure". Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al Cairo ha sottolineato la ripartenza del dialogo tra magistrati italiani ed egiziani sul caso Regeni. Conte si trova in Egitto per incontrare il presidente egiziano Abdel Fatah Al-Sisi, proprio nel primo dei due giorni di riunioni tra investigatori italiani e egiziani. 

    "Con Al-Sisi abbiamo parlato del caso Regeni", ha confermato il premier Conte ricordando che tra qualche giorno ricorrerà il quarto l'anniversario della scomparsa del ricercatore di Fiumicello del quale domani ricorre anche l'anniversario della nascita, 32 anni fa a Trieste. Il presidente del Consiglio ha rivolto un pensiero affettuoso ai familiari di Giulio dimostrandosi ottimista: "Oggi al Cairo ci sono carabinieri e polizia e si fermeranno anche domani: l'importante e' che la collaborazione riprenda. Al-Sisi mi ha rassicurato che la collaborazione da parte loro sara'  massima", ha concluso Conte che ha auspicato un rilancio della collaborazione investigativa e giudiziaria chiedendo che le indagini possano sfociare in un processo che consenta di accertare la verità. 

    La Procura di Roma già dal dicembre del 2018 ha iscritto cinque persone nel registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta sulla scomparsa e sulla morte di Giulio Regeni. Sono ufficiali appartenenti al dipartimento Sicurezza nazionale (servizi segreti civili) e all'ufficio dell'investigazione giudiziaria del Cairo (polizia investigativa). Nei loro confronti il procuratore capo Giuseppe Pignatone e il sostituto Sergio Colaiocco contestano il reato di concorso in sequestro di persona.
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Cronaca