Friuli Venezia Giulia
    30 Marzo 2020 Aggiornato alle 12:48
    Cronaca

    Primo giorno con le nuove modalità di ritiro della pensione

    Niente code per i beneficiari con cognome dalla A all B in uno dei 219 uffici postali attivi nella regione
    di Sebastiano Franco

    Le nuove disposizioni di poste italiane ma soprattutto un'alleata inaspettata in questo periodo, la bora, ha reso meno complicato il primo giorno per il ritiro delle pensioni. Era il turno dei cognomi che iniziano con la lettera A fino a quelli con la B. Poche file, quasi nessuna, anche negli uffici postali, oltre 200, di tutta la regione. Un cambio di passo rispetto ai giorni precedenti dove la posta era diventata per qualcuno un pretesto per operazioni assolutamente rinviabili. Una programmazione diversa per le pensioni di aprile, maggio e giugno. da venerdì potranno presentarsi le persone con il cognome dalla C alla D. Dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo. Dalla L alla O lunedì 30 marzo. Dalla P alla R martedì 31 marzo e infine dalla S alla Z mercoledì 1 aprile. Chi perdesse il proprio turno potrà presentarsi dopo il primo aprile. Tutto questo negli uffici aperti tutti i giorni. Per quelli che, in questo periodo, sono aperti a giorni alterni i turni sono accorpati. Stesso discorso per chi riceve tramite l'Inps le prestazioni dell'Inail. In ogni comune c'è un ufficio postale aperto. Per chi invece riceve l'accredito della pensione sul Libretto di Risparmio, un Conto BancoPosta o una carta Postepay, l'importo sarà subito disponibile. Per qualsiasi informazione ci si può connettere al sito www.poste.it o chiamare il numero verde  800 00 33 22
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Cronaca