Friuli Venezia Giulia
    02 Luglio 2020 Aggiornato alle 18:47
    Economia & Lavoro

    Aziende del Pordenonese in regola con la normativa anti-Covid

    Lo certificano le ispezioni condotte dall'organismo formato da rappresentanti di Unindustria e dei sindacati nelle imprese con meno di 15 dipendenti
    di Ludovico Fontana

    Tra maggio e giugno hanno visitato quaranta fabbriche medie e piccole nel Pordenonese per verificare il rispetto delle condizioni di sicurezza anti-covid: sono risultate tutte in regola. Sopralluoghi svolti dei membri dell'Opp, l'Organismo paritetico provinciale composto da rappresentanti sindacali e Confindustria Alto Adriatico, previsti all'interno dell'accordo tra parti datoriali e sindacali siglato ad aprile, prima di quelli poi adottati a livello nazionale. Un modello pensato soprattutto per favorire l'attività di prevenzione nelle imprese con meno di 15 dipendenti e che ha funzionato, dicono i rappresentanti di Confindistria e Cgil, Cisl e Uil. 

    Ha permesso al 70 per cento delle aziende di lavorare nel periodo di critico ma anche sancito il principio secondo il quale le fabbriche potevano riaprire solo in seguito a un confronto interno con le Rsu, le rappresentanze sindacali interne, ha spiegato Michelangelo Agrusti, presidente di Confindustria Aldo Adriatico.  Il bilancio è estremamente positivo, aggiunge Daniele Morassut della Cisl, componente dell'organismo paritetico. E ricorda poi le prossime sfide di cui devono farsi carico industriali e e sindacati: ripensare l'organizzazione del lavoro, dalla rimodulazione dei turni in fabbrica ai servizi alle famiglie e alle imprese, come i trasporti. 
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Economia & Lavoro