Friuli Venezia Giulia
    27 Novembre 2020 Aggiornato alle 20:17
    Scuola

    La strana estate dei bambini

    Partiti a giugno tra mille incertezze, i centri estivi e i ricreatori di Trieste hanno trovato comunque il modo per riuscire a far giocare i bambini nel rispetto della distanza di sicurezza

    Tornare a vivere la vita normale con mascherine e distanziamento sociale, attraverso il gioco. Hanno imparato soprattutto questo i bambini e i ragazzi che hanno frequentato i centri estivi e i ricreatori di Trieste, in questa strana e complicata estate.

    Complessivamente il Comune è riuscito a soddisfare 3806 richieste di turni settimanali o bisettimanali da parte delle famiglie, con un investimento di 1 milione e 800mila euro, 1 milione in più rispetto all'anno scorso. 

    "In termini percentuali un bilancio positivo, assolutamente in linea con l'estate scorsa nonostante le restrizioni dettate dalle norme anti-Covid", ha spiegato Angela Brandi, assessore alla scuola, che stamattina - numeri alla mano - ha presentato i risultati.

    Problemi di spazio, ma anche di educatori, visto che le regole anti-Covid prevedono un educatore ogni 5 bambini, per la fascia d'età da 0 a 6 anni, uno ogni 7 per i piccoli dai 6 agli 11 anni, e uno ogni 10 per i ragazzi dai 12 ai 14 anni. 

    Laddove il Comune non aveva strutture o personale a sufficienza, ha chiesto aiuto ad associazioni e società sportive, tramite la modalità dell'affido diretto.

    Nel servizio le interviste ad Alessio Lilli, presidente Trieste Atletica e a Patrizia Sepich, della Cooperativa Progetto A.


    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Scuola