Friuli Venezia Giulia
    23 Gennaio 2021 Aggiornato alle 21:54
    Salute

    Screening nelle scuole, pochi consensi dalle famiglie

    Finora un'adesione intorno al 30%, che secondo l'Asugi è insufficiente per procedere. Così anche chi ha accettato non potrà effettuare il test
    di Francesca Terranova

    Tamponi a tappeto agli studenti delle scuole elementari e medie di Trieste e Gorizia? Non proprio. Il monitoraggio è ancora in corso, alcune scuole devono ancora iniziare la campagna ma al momento in media solo 3 famiglie su 10 hanno dato il consenso al tampone rapido per i propri figli. Perché?
    Risponde Carmela Testa, dirigente scolastica Istituto Comprensivo di San Giovanni.

    Che fare dunque? C'è chi insiste con le famiglie per alzare la percentuale di adesioni e dà più tempo. Chi, come l'istituto comprensivo Weiss, si ritira dalla campagna. Le adesioni raccolte lunedì, dando in tutto 4 giorni di tempo alle famiglie per scegliere, hanno portato al 30% di consensi, una soglia giudicata da Asugi insufficiente per procedere e così anche chi ha aderito non potrà sottoporsi al tampone.
    Il commento di Laura Parma, dirigente dell'Istituto comprensivo Tiziana Weiss.

    Il personale scolastico invece ha aderito numeroso. Dall'Asugi si fa sapere che "il servizio è partito come sperimentazione sondando interesse delle scuole dove ci sono stati precedenti focolai. L'Azienda è aperta ad accogliere nuove adesioni in base ai bisogni".
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Salute