Friuli Venezia Giulia
    25 Febbraio 2021 Aggiornato alle 19:21
    Economia & Lavoro

    Integrativo Electrolux, un nuovo tavolo

    Salario e orari di lavoro al centro del confronto. La richiesta sindacale è un aumento salariale di 1.300 euro lordi l'anno
    di Natascia Gargano

    Salario e orario di lavoro sono i punti più caldi della trattativa, con posizioni ancora lontane tra sindacati e azienda. Un nuovo tavolo per il rinnovo dell'integrativo per i lavoratori Electrolux, 1.500 quelli a Porcia più altri 1000 a Vallenoncello, è previsto a Padova martedì pomeriggio. Si discuterà nel dettaglio del modello partecipativo, l'ultimo testo risale al 1997, di reperibilità e altri punti normativi, contando poi nei prossimi incontri di passare in tempi stretti agli altri temi.

    La richiesta di Fim, Fiom e Uilm è un aumento salariale di 1.300 euro annuali. La direzione aziendale ha controproposto 400 euro, 200 il primo anno e altrettanti il secondo. Troppo pochi per i sindacati: dal precedente accordo sono trascorsi 14 anni. L'azienda chiede anche di eliminare gli anticipi mensili dei premi (una paga media di un operaio di linea è di 1350 netti con i premi) e di attivare in modo unilaterale gli straordinari senza accordo con le Rsu, che si preannuncia un nodo complicato della trattativa. C'è poi la partita dello smart working che interessa i mille impiegati. Intanto martedì a Porcia l'ennesimo stop a una linea di produzione per problemi nell'approvvigionamento di componenti legati alla pandemia. Il lavoro ci sarebbe, vista la forte ripresa nella domanda di elettrodomestici, ma mancano i pezzi. Electrolux ha dovuto stoppare la produzione per un paio di giorni a gennaio e quello di martedì è il terzo fermo di febbraio.
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Economia & Lavoro