Friuli Venezia Giulia
    25 Febbraio 2021 Aggiornato alle 19:21
    Economia & Lavoro

    Lento recupero dell'industria

    Prosegue l'andamento positivo iniziato nell'ultima parte dello scorso anno e aumentano soprattutto le vendite. Ma pesa il primo semestre del 2020
    di Giorgio Bearz

    Secondo l'ultima indagine congiunturale di Confindustria il settore manifatturiero del Friuli Venezia Giulia, pur condizionato in modo pesante dagli effetti della pandemia che ha travolto ogni settore produttivo del paese, prosegue il trend positivo nel quarto trimestre 2020, migliorando i dati di quello precedente e confermando cosi' la curva di recupero, non sufficiente tuttavia a colmare il pesante gap del primo semestre dell'anno scorso.
     
    Nel dettaglio, tra i principali indicatori congiunturali, emerge che la crescita della produzione industriale rallenta di 7 punti e mezzo, ma le vendite registrano un leggero incremento sia nel mercato domestico che in quello estero. In aumento anche i nuovi ordini. Per quanto riguarda le previsioni per il 1° trimestre 2021, i dati indicano un trend di crescita per il 45% degli intervistati, con una  previsione del +52 per cento per la domanda interna e del 49 per quella estera. Ancora debole l'occupazione, ma in prospettiva il 91% degli intervistati prevede la sua stabilità, contro il 76% del trimestre precedente.

    Per Il Presidente di Confindustria FVG Giuseppe Bono "E' indiscutibile il miglioramento rispetto al recente passato, ma il recupero va attribuito al riavvio della produzione seppur con tutti i vincoli che ancora la pandemia impone e imporrà almeno a breve. D'ora in poi - prosegue Bono - sara' necessario affrontare i nodi che ancora bloccano il nostro Paese come le infrastrutture, la formazione, l'ambiente e adeguate politiche del lavoro che se non risolti rischieranno di rendere del tutto inutili gli aiuti dell'Europa".
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Economia & Lavoro