Friuli Venezia Giulia
    18 Maggio 2021 Aggiornato alle 15:46
    Economia & Lavoro

    Gli effetti della pandemia al centro delle manifestazioni sindacali

    Alla manifestazione principale, a Cervignano, garofani rossi in ricordo delle vittime del Covid ma anche in segno di speranza
    di Alessandra Zigaina

    Garofani rossi in ricordo delle vittime del Covid, ma anche segno di speranza: per un lavoro sicuro, dignitoso, per tutti.
    Così Cervignano torna in piazza ma non con la solita, grande manifestazione. Non potevamo radunare tanta gente - ha spiegato il sindaco Savino - e allora abbiamo fatto ricorso ai simboli.

    Un lavoratore per ogni settore a simboleggiare con la propria le storie di tanti. E un trattore per ricordare la storica sfilata della bassa friulana. Dai sindacati confederali un invito alla politica: puntare sul manufatturiero, asse portante dell'economia friulana e regionale.

    Anche a Trieste, nella manifestazione di Cgil, Cisl e Uil a parlare sono stati i lavoratori. Quelli più provati dalla pandemia come il settore dello spettacolo fatto anche di piccole realtà dove non c'è alcuna tutela. O la scuola che ha riaperto tra vecchi problemi, come l'edilizia e i concorsi, e nuove emergenze.

    A San Giacomo un altra manifestazione con altre sigle: Usb, Cobas, Unione dei rider, non una di meno. La pandemia -  scrivono- ha mostrato il volto violento del capitalismo. Noi siamo dalla parte dei facchini di Amazon, dei rider, delle cameriere degli hotel e delle partite iva
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Economia & Lavoro