Gli angeli delle "gocce d'oro". Donatori di sangue, orgoglio Fvg

Nel periodo della pandemia le donazioni sono aumentate, un segnale di solidarietà e di partecipazione al bisogno non solo della comunità regionale: 8mila sacche di inviate in un anno verso altre località italiane

Durante l'ultimo anno e mezzo di pandemia l'interesse nei confronti della donazione del sangue è molto aumentata.

E' quanto emerso nel corso del 62° Congresso dell'Associazione friulana dei donatori di sangue, svoltosi a Lestizza.

Tante le persone che hanno voluto partecipare - tra loro, oltre al presidente dell'associazione, Roberto Flora, anche il vicepresidente regionale con delega alla sanità, Riccardo Riccardi, e il direttore generale dell'azienda sanitaria Friuli centrale, Denis Caporale.

37mila le donazioni di sangue e di plasma effettuate nell'ultimo anno: un patrimonio di vita condiviso anche col resto d'Italia. Le sacche di sangue inviate fuori regione sono più di 8000. 

Dopo la messa con l'Arcivescovo di Udine, Andrea Bruno Mazzocato, sono state consegnate le benemerenze dette "gocce d'oro" alle persone che hanno effettuato più di 100 donazioni.