Friuli Venezia Giulia
    17 Ottobre 2021 Aggiornato alle 20:17
    Cronaca

    Tante richieste, case popolari insufficienti

    Il punto sulla situazione dell'Ater a Trieste. Quattromila le domande, troppe per l'offerta. Si cerca di ridurre il gap
    di Francesca Terranova

    E' tempo di bilanci dopo due anni dall'insediamento della nuova presidenza Ater, Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale, a Trieste. L'emergenza abitativa è gravissima, ma si cerca di ridurre il gap tra domanda e offerta.

    Quattromila le domande di alloggio ricevute quest'anno, di queste circa 3 mila hanno effettivamente diritto ad una casa popolare. Ma solo il 13% la otterrà.  
    Basta raccomandate e lunghe file allo sportello: per facilitare il rapporto tra utenza ed ente è stato migliorato il sito internet.  

    Lungo l'elenco degli interventi di manutenzione degli immobili nelle periferie della città, soprattutto Valmaura e Melara, illustrato in conferenza stampa.


    Nel servizio parlano Riccardo Novacco, presidente Ater Trieste e Paola Sgai, consigliera Cda Ater Trieste
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Cronaca