Friuli Venezia Giulia
    19 Ottobre 2021 Aggiornato alle 14:40
    Economia & Lavoro

    Riapertura discoteche al 35%, gestori preoccupati: "riavvio in perdita"

    Prima della pandemia le strutture attive in regione erano una ventina e davano lavoro a un migliaio di persone. Ora quelle che restano si contano su una sola mano
    di Antonio Caiazza

    "Si sono ricordati di noi". I gestori delle discoteche, quelli che ancora fanno questo lavoro, hanno accolto il parere del Comitato tecnico scientifico con un misto di ottimismo e di amarezza.

    Tralasciando l'apertura all'esterno al 50 per cento, perché non è stagione, aprire all'interno fino al 35 per cento (compreso il personale) è un riavvio matematicamente in perdita, sostengono. In più, le regole suggerite dal Cts diventano fonte di rischio di pesanti sanzioni, amministrative e penali.

    Di positivo c'è però che finalmente, contenendo al minimo le spese, si può almeno tentare il riavvio.

    Adriano Cerato, è un gestore di discoteche e rappresenta l'esiguo comparto rimasto in regione.
    "Finalmente abbiamo la possibilità di riaprire le discoteche con una capienza del 35% comprensiva del personale, è una limitazione forte che condiziona le nostre economie, in altra parole la matematica certezza di aprire per rimetterci, ma è altresì un segnale importante che pandemia a calare, ci permette di tornare alla normalità".

    Le linee guida potrebbero essere recepite dal Governo già domani con un decreto-legge, non si sa ancora da quando la riapertura sarà consentita.

    Obbligatori il green pass per l'accesso alle strutture, e la registrazione degli ingressi, per consentire eventuali tracciamenti. 
    All'interno la mascherina, tranne durante il ballo. E qui i gestori temono l'esito dei controlli e il rischio di sanzioni anche pesanti.

    Chiuse a marzo 2020, erano state brevemente aperte nell'estate successiva, per essere chiuse di nuovo, improvvisamente, a Ferragosto del '20.

    Prima della pandemia le strutture attive in regione erano una ventina e davano lavoro a un migliaio di persone. Ora quelle che restano si contano su una sola mano.



     
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Economia & Lavoro