Friuli Venezia Giulia
    21 Maggio 2022 Aggiornato alle 12:57
    Salute

    Vaccinazioni al palo, anche tra i soggetti fragili

    I dati settimanali sulla pandemia rilevano una diminuzione dei contagi, a fronte di aumento dei decessi, soprattutto di anziani con patologi serie. Ll'effetto della terza dose si sta esaurendo: troppo pochi i fragili con 4 dosi
    di Paolo Roncoletta

    Torna a salire il numero di decessi imputati al Covid. sono 27 in una settimana. L'incidenza è più alta per i non vaccinati: 27 per milione di abitanti non vaccinati, contro 21 per milione di abitanti vaccinati.

    Si tratta quasi esclusivamente di ultraottantenni, in gran parte uomini, già affetti da patologie gravi. Ma, secondo l'epidemiologo Fabio Barbone, la terza dose non protegge più e pochi anziani hanno fatto la quarta dose; si calcola lo 0.82 per cento della platea potenziale, poco sotto la media nazionale che è dell'1,2. I più aspettano l'autunno con la versione aggiornata dei vaccini rispetto alle ultime varianti.

    Il contagio c'è, ma continua ad arretrare. Il bollettino nazionale certifica che in due settimane siamo passati da 530 a meno di 400 casi per centomila abitanti. Il totale degli ultimi 7 giorni rimane sotto quota 4500: due settimane fa era oltre i 6 mila, con un probabile calo deciso di tamponi positivi di persone senza sintomi. E torna ad allargarsi la forbice fra vaccinati e non. L'incidenza risulta di 402 casi per 100 mila abitanti non vaccinati e 363 per centomila vaccinati.

    I pazienti positivi nei reparti di area medica tornano a scendere sotto quota 150, dopo quasi un mese, con un tasso di occupazione del 12 per cento. Il calo è dovuto alla minore presenza di pazienti immunizzati nelle corsie d'ospedale. Sono 104 (da molto tempo non erano così pochi), con un'incidenza di 11 per 100 mila abitanti vaccinati, contro 16 per centomila non vaccinati.

    Rimane invariata la quota di ricoveri determinata in via prevalente dalle conseguenze del covid. 58 su 144, pari al 40 per cento una settimana fa erano il 39 per cento .
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Salute